I segnali stradali: a cosa servono

Pubblicato il 16.01.2023

I segnali stradali: a cosa servono

Incubo del test della patente, i segnali stradali sono la guida per gli automobilisti

I segnali stradali sono tra gli argomenti più presenti per chi vuole conseguire la patente, questo perché sono fondamentali alla circolazione su strada e alla sicurezza di tutti.

I segnali stradali sono delle proprie linee guida per gli automobilisti e fungono da base per il corretto comportamento sulle strade.

Ci sono 4 tipologie di segnali stradali, disciplinati dall’articolo 38 del Codice della Strada e sono:

  • Segnali stradali verticali
  • Segnali stradali orizzontali
  • Segnali stradali complementari e di cantiere
  • Segnali stradali luminosi

A questi si aggiungono le segnalazioni degli agenti del traffico.

I segnali verticali prevalgono sugli orizzontali; i segnali luminosi prevalgono sui segnali verticali e orizzontali e le segnalazioni degli agenti del traffico prevalgono su tutti.
Entriamo nel dettaglio delle singole categorie.

SEGNALI STRADALI VERTICALI

In questa categoria rientrano: i segnali di pericolo, di prescrizione e i cartelli di indicazione. Sono posizionati solitamente sul lato destro della strada e sono fatti di materiale rinfrangente così da essere visibili anche al buio.

I segnali di pericolo e prescrizione sono di colore rosso, bianco, blu e nero; di forma triangolare con vertice rivolto in alto. Tra i segnali di prescrizione troviamo quelli di divieto, di obbligo e di precedenza.

Questi cartelli stradali sono situati nel punto in cui inizia l'obbligo o il divieto e la fine della prescrizione è solitamente indicata dal medesimo segnale munito dal pannello integrativo "fine". La legge stabilisce che i segnali di divieto, obbligo e precedenza debbano essere ripetuti dopo ogni intersezione, quando ci si trova su un percorso interessato da una prescrizione.

I cartelli stradali di indicazione invece hanno diversi colori e servono per fornire direzioni e indicazioni appunto ai conducenti. Si raggruppano in:

  • verde: per le autostrade
  • blu: per le strade extraurbane
  • bianco: per le strade urbane, per indicare alberghi e strutture ricettive
  • giallo: per segnali temporanei di pericolo, di preavviso e di direzione relativi a deviazioni, itinerari alternativi e variazioni di percorso dovuti alla presenza di lavori in corso
  • marrone: per indicazioni di località o punti di interesse storico, artistico, culturale e turistico; per denominazioni geografiche, ecologiche, di ricreazione e per i camping
  • nero opaco: per segnali di avvio a fabbriche, stabilimenti, zone industriali, zone artigianali e centri commerciali nelle zone periferiche urbane;
  • arancio: per i segnali Scuolabus e Taxi;
  • rosso: per i segnali Sos e incidente;
  • bianco e rosso: per i segnali a strisce da utilizzare nei cantieri stradali;
  • grigio: per il segnale segni orizzontali in rifacimento.

SEGNALI STRADALI ORIZZONTALI

I segnali stradali orizzontali sono per lo più riconducibili alle strisce sulla strada e hanno l’obiettivo di regolare la circolazione, guidare gli utenti, dare prescrizioni e indicazioni per comportamenti da adottare. Il colore che li contraddistingue è il bianco o il giallo nel caso di cantieri di lavoro temporanei, e possono essere costituiti da strisce longitudinali continue o discontinue. Le continue indicano un limite invalicabile, le discontinue delimitano corsie valicabili.

Nella segnaletica orizzontale troviamo anche le frecce direzionali, gli attraversamenti pedonali o ciclabili, segnalazioni di divieto di sosta, isole di traffico, strisce che indicano la fermata di veicoli per il trasporto pubblico e molto altro.

SEGNALI COMPLEMENTARI E DI CANTIERE

I segnali complementari hanno il compito di evidenziare il tracciato stradale in presenza di curve, ostacoli e punti critici. Tra i più noti segnali complementari troviamo il cartello che indica i lavori in corso, oppure che una corsia risulta chiusa temporaneamente.

SEGNALI STRADALI LUMINOSI

I segnali luminosi sono generalmente i semafori che regolano i flussi del traffico. Il semaforo solitamente si trova in corrispondenza di un incrocio e con la luce rossa accesa impone l'arresto dei veicoli. La luce verde permette l'attraversamento dell'incrocio mentre la gialla consente l'attraversamento dell'incrocio se lo si è già impegnato. Veicoli e pedoni seguono queste regole mentre per i mezzi di trasporto pubblico i semafori sono a forma di barra bianca su sfondo nero. La barra orizzontale vuol dire arresto, quella verticale o inclinata a destra o sinistra via libera, e il triangolo giallo su fondo nero è uguale al comune giallo e indica che deve avvenire a breve l’arresto.

SEGNALAZIONI DEGLI AGENTI DEL TRAFFICO

La loro segnalazione è più importante tra i tipi di segnaletica stradale presenti. Gli agenti del traffico infatti hanno il potere di dare indicazioni, necessarie per risolvere situazioni temporanee, che non siano coerenti con cartelli stradali verticali, segnalazioni orizzontali, segnali complementari o luminosi. Tra le indicazioni troviamo: braccio alzato verticalmente per "attenzione, arresto"; braccia tese orizzontalmente significano "via libera" per chi va in quella determinata direzione.

E tu, usi l’automobile ma non hai ancora un’Assicurazione Auto Allianz Direct? Fai subito il tuo preventivo auto e scopri quanto puoi risparmiare con la nostra assicurazione online.

Stai pensando alla tua nuova polizza RC Auto?

Scopri l’assicurazione Auto di Allianz Direct e scegli l’offerta più adatta alle tue esigenze.

Calcola Preventivo
Polizza RC Auto