Come pagare meno la multa

Come pagare meno la multa

Scopriamo come fare per risparmiare sul pagamento delle multe stradali

In base all’articolo 202 del Codice della Strada, è possibile pagare le multe con uno sconto del 30% se il pagamento viene corrisposto entro 5 giorni dalla data di contestazione o dalla notifica. A molti non è chiaro da quando si contano i 5 giorni per poter sfruttare la riduzione. Scopriamolo in pochi passaggi.

Sconto del 30% sulla multa se si paga entro 5 giorni: come funziona

Per usufruire dello sconto del 30% sull’importo delle multe stradali, bisogna effettuare il pagamento entro 5 giorni dalla data di notifica o di contestazione del verbale. I 5 giorni decorrono dal giorno successivo alla notifica. Anche i giorni festivi vanno considerati nel computo dei 5 giorni a meno che il quinto giorno non cada proprio in un giorno festivo: in tal caso la scadenza passerà al giorno successivo, ovvero al primo giorno feriale. Ad esempio, se ricevo la notifica di martedì, il conteggio dei 5 giorni parte dal mercoledì successivo:

  • martedì: giorno della notifica
  • mercoledì: primo giorno post notifica
  • giovedì: secondo giorno post notifica
  • venerdì: terzo giorno post notifica
  • sabato (festivo): quarto giorno post notifica
  • domenica (festivo): quinto e ultimo giorno post notifica ma risulta un giorno festivo, quindi non viene considerato. Pertanto, la scadenza slitta al primo giorno feriale successivo al giorno festivo. In questo caso, il “quinto” giorno post notifica sarà il lunedì.

Sconto del 30% sulla multa: cosa succede se il soggetto multato non ritira la contestazione?

Il calcolo dei 5 giorni non è poi così complesso se la contestazione è immediata, cioè quando l’agente accertatore consegna la multa al trasgressore. Ma cosa accade se la notifica viene spedita al domicilio del trasgressore mediante posta raccomandata? E cosa succede se, oltre a ricevere la multa via posta, il trasgressore è assente o impossibilitato a ricevere tempestivamente la contestazione?

In questo caso vale l’avviso di giacenza, lasciato dal postino in caso di irreperibilità del trasgressore. A questo punto sarà necessario recarsi presso l’ufficio postale di zona per ritirare la multa. Se il destinatario ritira la raccomandata che contiene il verbale entro i 10 giorni dall’avviso, sarà possibile pagare la multa scontata contando i 5 giorni dal giorno successivo a quello del ritiro dell’avviso.

E se la multa viene lasciata sotto il tergicristallo…

La multa che il vigile lascia sotto il tergicristallo dell’auto, ad esempio la classica multa per il divieto di sosta, non rappresenta la notifica del verbale, ma il preavviso di accertamento. In sostanza, il vigile anticipa la notifica anche se spesso viene accompagnata da un bollettino precompilato con l’indicazione dell’ammontare da versare con la decurtazione del 30% se versato entro 5 giorni.

Se non si paga entro 5 giorni, non c’è problema perché si potrà pagare la sanzione con lo sconto del 30% una volta ricevuta la vera notifica del verbale.

Notifica della multa ricevuta via PEC: da quando si calcolano i 5 giorni per lo sconto?

Dal 2018 i soggetti muniti di indirizzo di posta elettronica certificata PEC possono ricevere la notifica della multa tramite questo canale di contatto. Nel caso in cui si riceva la notifica via PEC, i 5 giorni per beneficiare del pagamento ridotto si contano dal giorno dell’avvenuta consegna della notifica (e non ei effettiva lettura).